Collegare pc a Tv

collegare pc a tv

Ti stai chiedendo come collegare pc a Tv e non sai come fare? Oppure come collegare tablet alla Tv? Lo sai, i programmi televisivi non bastano più: sempre più spesso, molti contenuti interessanti e originali sono accessibili soltanto via Internet, sui molti portali video che affollano il Web. Per questo motivo, molti televisori e ricevitori Av integrano direttamente il supporto per l’accesso almeno ai servizi più famosi, come per esempio YouTube. Questa funzione, però, non è sempre sufficiente: alcuni canali televisivi, per esempio, ospitano i loro programmi su siti diversi, e quindi non sono accessibili tramite le applicazioni integrate nelle cosiddette smart TV.

Un caso emblematico è quello del servizio SkyGo di Sky: può essere visualizzato sul computer, grazie all’interfaccia basata sul Web, oppure tramite le App dedicate per i sistemi operativi mobile iOS e Android, ma naturalmente non esiste nessuna soluzione che consenta di riprodurne i contenuti direttamente sulla tv. Ma gli scenari sono molti di più: ad esempio, per visualizzare sul televisore di un amico o di un parente le fotografie o i video memorizzati sullo smartphone, sul tablet o sul computer bisogna conoscere le varie opzioni disponibili, e in particolare i limiti di ogni tecnologia.

Come collegare computer e tablet a Tv

Vuoi sapere come collegare computer a tv? Le soluzioni disponibili per portare il contenuto del Pc, del tablet o dello smartphone sullo schermo televisivo e collegare computer a tv sono molte, ma ciascuna ha pregi e difetti. Alcune sono gratuite, ma funzionano solo con particolari combinazioni di dispositivi, mentre altre richiedono l’acquisto di accessori di vario genere. In alcuni casi la configurazione è banale, e la soluzione può quindi essere utilizzata senza problemi anche quando ci si trova fuori casa, mentre in altri casi bisogna lavorare un po’ di più. In particolare, non esiste quasi mai una soluzione universale: con determinati dispositivi e televisori si possono usare alcune soluzioni, mentre in altri casi l’approccio è completamente diverso.

cavo hdmi

Come collegare il computer alla Tv: ciò che serve

La lista della spesa dipende dalla combinazione di dispositivi che si vogliono far comunicare: lo scenario più semplice è la connessione di un computer alla Tv, poiché in questo caso bastano pochissime accortezze per ottenere una soluzione perfettamente funzionante e praticamente universale. Ma come collegare il pc alla tv? L’unico ingrediente indispensabile è un cavo computer tv di collegamento, nella stragrande maggioranza dei casi in standard Hdmi. Quasi tutti i computer recenti, infatti, hanno un’uscita video Hdmi, e basta quindi un comune cavo del costo di pochi euro per completare il collegamento. I Pc più datati potrebbero disporre soltanto di una porta Dvi per collegare pc a Tv: in questo caso, la soluzione migliore è un adattatore Dvi/Hdmi, a cui abbinare ancora una volta un cavo Hdmi. I computer più vetusti, infine, offrono soltanto un’uscita Vga D-sub: in questo caso il collegamento è molto più difficile, perché non cambia soltanto il formato della porta, ma anche i segnali veicolati: la porta Vga, infatti, utilizza segnali analogici, mente Dvi e Hdmi sono digitali. Per collegare pc a Tv ed effettuare un collegamento è necessario che il televisore disponga di un ingresso Vga, una caratteristica sempre più rara perché ormai superata dal progresso tecnologico. Alcuni Pc moderni, infine, non offrono un’uscita Hdmi, ma soltanto di porte di tipo diverso: è il caso per esempio delle uscite DisplayPort o mini DisplayPort, o ancora dell’Usb Type-C del nuovo MacBook. In tutti questi casi, è necessario recuperare un adattatore che converta questi segnali nel tradizionale formato Hdmi.

Adattatore Dvi

Come collegare il tablet alla tv

Il caso degli smartphone e dei tablet è più spinoso e ci sono diverse possibilità per collegare tablet a tv: le opzioni disponibili sono diverse, ma nessuna è applicabile a tutti i device. La maggior parte dei dispositivi Android supporta la tecnologia Mhl: uno standard che consente di veicolare audio e video attraverso la porta di connessione del dispositivo mobile, fornendo nello stesso alimentazione e permettendo il controllo remoto. Utilizzando questa tecnologia, si può duplicare lo schermo dello smartphone o del tablet sul televisore, controllarlo tramite il telecomando della Tv e contemporaneamente ricaricarlo. I televisori direttamente compatibili con questa tecnologia, però, sono ancora pochi: per ovviare al problema si può acquistare un adattatore Mhl/Hdmi, che dev’essere collegato anche all’alimentazione elettrica. Esistono anche convertitori di tipo passivo (che non richiedono alimentazione), ma non sono compatibili con tutti i dispositivi. Nel caso dei dispositivi iOS, invece, bisogna acquistare un adattatore Lightning/Hdmi per collegare iPad a tv.
Esistono infine tecnologie di condivisione dello schermo wireless: iOS, per esempio, supporta AirPlay e AirPlay Mirroring, ma bisogna collegare al televisore un ricevitore compatibile, come per esempio l’Apple TV. Android invece può ottenere un risultato simile con la chiavetta Chromecast oppure con un device compatibile.

Collegare computer e tablet a Tv: come fare

Le istruzioni specifiche dipendono in gran parte dal sistema di collegamento prescelto. Iniziamo analizzando la connessione via cavo Hdmi con i computer, sia perché è la situazione più comune e semplice da replicare, sia perché è la più flessibile. Le connessioni con i dispositivi mobile, infatti, hanno alcune limitazioni che possono essere fastidiose: per esempio, si possono trasmettere soltanto alcune tipologie di contenuti (per esempio audio, video e fotografie), e non semplicemente replicare senza controllo tutto quello che accade sullo schermo. Inoltre, gli sviluppatori delle singole App hanno la facoltà di decidere se consentire la visualizzazione su schermo remoto: questo significa, per esempio, che non si può trasmettere sul televisore lo streaming proveniente dall’App SkyGo e da molte altre App di broadcaster internazionali. Il Pc, al contrario, non soffre di questi vincoli poiché è una piattaforma molto più aperta e flessibile.

La connessione fisica non richiede nessuna accortezza particolare, mentre la configurazione potrebbe essere un po’ più laboriosa. Dopo aver collegato il cavo e acceso il televisore, selezionate l’ingresso giusto utilizzando il telecomando della Tv. Nei casi più fortunati, l’immagine del desktop sarà subito visibile, ma in tutte le altre circostanze bisogna invece modificare qualche parametro. Aprite il pannello di Controllo di Windows, selezionate Hardware e suoni/Schermoe poi il collegamento Cambia le impostazioni dello schermo nella colonna di sinistra.

Qui si trovano le opzioni di configurazione degli schermi; il valore più importante è Più schermi: nella casella a discesa selezionate Estendi questi schermi oppure Duplica questi schermi, poi fate clic su OK per confermare la modifica alle impostazioni.
Nel caso dei dispositivi mobile, il funzionamento è molto semplice se tutta la rete è configurata nel modo giusto: per esempio con un iPhone o un iPad richiamate il Centro di controllo, con uno swipe dal bordo inferiore dello schermo verso il centro, e fate tap sul collegamento AirPlay. Selezionate quindi il dispositivo di destinazione (accanto a ogni elemento viene mostrata l’icona di un televisore se accetta il flusso video, o di un altoparlante se gestisce soltanto l’audio). Non resta poi che aprire l’App da utilizzare (per esempio Musica oppure Foto) e riprodurre i contenuti.